Chi è a rischio per il colera?

Chi è a rischio per il colera, e dove si verificano epidemie di colera?

Chiunque beve o mangia cibo che non è stato trattato per eliminare cholerae (liquidi devono essere trattati chimicamente, bollito, o pastorizzato, e gli alimenti devono essere puliti e cotti), soprattutto nelle aree del mondo in cui il colera è presente, è a rischio di colera. Il CDC dice in riferimento al rischio di colera a partire da novembre 2010, “C'è stata una pandemia globale in corso in Asia, Africa (di recente in Zimbabwe in 2008-2009), e in America Latina negli ultimi quattro decenni.”

I focolai si verificano quando ci sono calamità o per altre cause di una perdita di smaltimento dei rifiuti sanitari umani e la mancanza di liquidi e alimenti sicuri per le persone di ingerire. Haiti, un paese che non aveva mai visto una epidemia di colera in oltre 50 anni, aveva sviluppano in tali circostanze 2010 dopo un terremoto ha distrutto servizi igienici e acqua e impianti di trattamento alimentare per molti haitiani.

Cholerae batteri eventualmente contaminate delle acque primarie, conseguente oltre 530,000 persone con diagnosi di colera che hanno portato in più di 7,000 morti. Questa epidemia di colera si diffuse al prossimo Haiti, la Repubblica Dominicana. Il ceppo Vibrio cholerae è strettamente legato ad un ceppo in Nepal e porta alcuni individui la colpa truppe nepalesi che hanno contribuito con il disastro del terremoto come la fonte del focolaio di colera ad Haiti.

Ci sono alcune prove che V. cholerae possono sopravvivere in acqua salata e sono stati isolati da molluschi; mangiare ostriche crude è considerato un fattore di rischio per il colera, soprattutto nei paesi sottosviluppati e, occasionalmente, anche nei paesi sviluppati. Alcune persone con diagnosi di colera ogni anno negli Stati Uniti. La maggior parte degli individui con diagnosi sono i viaggiatori che sono stati esposti al colera di fuori del paese, ma di tanto in tanto, casi isolati sono riconducibili a frutti di mare contaminati, in genere da stati che si affacciano sul Golfo del Messico.

Ci vogliono circa 100 milioni di batteri per infettare un adulto sano. A causa di questo numero, contaminazione significativa di cibo o acqua è necessaria per trasmettere la malattia, e da persona a persona trasmissione è pensato per essere non comune.

Alcuni individui sono a più alto rischio di infettarsi rispetto ad altri. Le persone che sono malnutriti o immuno-compromessi hanno maggiori probabilità di contrarre la malattia. Bambini età 2-4 sembrano più sensibili di quelli più grandi, secondo alcuni ricercatori. Inoltre, i ricercatori hanno osservato che i pazienti con gruppo sanguigno O sono due volte più probabilità di sviluppare il colera di altri.

La ragione di questo tipo suscettibilità sangue non è completamente noto. Le persone con acloridria (ridotta secrezione di acido nello stomaco) e le persone che assumono farmaci per ridurre l'acidità di stomaco (H2 bloccanti ed altri) sono anche maggiori probabilità di sviluppare il colera, perché l'acidità di stomaco uccide molti tipi di batteri, tra V. cholerae.