La diagnosi di istoplasmosi

La diagnosi definitiva di istoplasmosi può essere complicato, soprattutto se il paziente non dà storia di esposizione ad aree contaminate con H. capsulatum. Molte infezioni batteriche e fungine in grado di produrre risultati clinici che si trovano con H. infezioni capsulatum (per esempio, noduli granulomatosi trovato nella sarcoidosi e la tubercolosi, o infiltrati polmonari visto in X-ray in coccidiomicosi, blastomicosi, aspergillosi, e le infezioni polmonari).

Infatti, prima 1932, molti pazienti con istoplasmosi polmonare cronica è stata diagnosticata la tubercolosi. Differenziare istoplasmosi da infezioni polmonari può essere ancora una sfida diagnostica per i medici.

Culture di sangue, sputo, o campioni bioptici di tessuto possono essere coltivate su supporti che supportano H. crescita capsulatum. Se H. capsulatum viene coltivato, la diagnosi è confermata. Tuttavia, nel migliore, culture sono positivi solo in circa 60% di pazienti con infezioni polmonari croniche e sono positivi solo in circa 15% di casi acuti. Inoltre, può richiedere da due a 12 settimane per il fungo a crescere abbastanza da essere identificati in coltura, che potrebbe ritardare il trattamento soprattutto nei casi progressivi diffusi.

Le emocolture vanno da 50%-90% positivo in progressive casi diffusi. Colture positive per H. capsulatum definitivamente diagnosticare istoplasmosi. Sfortunatamente, acuta istoplasmosi progressiva disseminata, se non trattata rapidamente e adeguatamente, può portare alla morte in poche settimane. In casi sospetti, il trattamento deve iniziare immediatamente senza attendere sulle culture di crescere positivo per H. capsulatum.

Ci sono diversi tipi di test sierologici (test di antigeni e anticorpi) che sono usati su sangue, urina, e il fluido cerebrospinale (CSF). Essi possono dare risultati abbastanza rapidi soprattutto sintomatica, cronico, o progressiva malattia disseminata (75%-95% positivo dopo sei settimane) ma prendere circa tre settimane per essere positivo in un numero ristretto (circa 15%) di casi acuti.

Sfortunatamente, i reagenti condividere alcuni cross-reattività con altri generi fungini (per esempio, Aspergillus, Blastomyces, e Coccidioides), così risultati falsi-positivi possono essere ottenuti. Ulteriormente, questi test per H. capsulatum può essere positivo in persone che vivono in aree con istoplasmosi endemiche e può anche essere positivo in pazienti che hanno malattia inattiva.

Macchie (Argento Giemsa o metenamina macchia) di campioni di tessuto, sangue, sputo, midollo osseo, linfonodo aspirati, e altri fluidi possono consentire visualizzazione microscopica di H. capsulatum. Tuttavia, l'accuratezza di identificazione dipende dall'esperienza dell'osservatore come altri organismi possono assomigliare H. capsulatum. I ricercatori suggeriscono che questo metodo di essere sostenuta da altri test come la sierologia e le culture.

Molti altri test può essere utilizzato per aiutare il medico a determinare il grado di infezione da H. capsulatum. Esempi sono elencati di seguito:

Emocromocitometrico CBC o completa: Basso numero di globuli bianchi può verificarsi in cronica istoplasmosi progressiva.

Radiografia del torace può mostrare cambiamenti polmonari (infiltrati, cavitazioni, e ingrossamento dei linfonodi) che possono verificarsi in acuto e cronico istoplasmosi progressiva disseminata.

TC può mostrare bilaterale coinvolgimento della ghiandola surrenale in subacuta istoplasmosi progressiva diffusione.

L'ecocardiografia consente di determinare se le valvole cardiache sono infetti o se è presente nella pericardite acuta istoplasmosi polmonare o progressiva diffusione.

Livelli di fosfatasi alcalina nel sangue sono aumentati in polmonare cronica e acuta istoplasmosi progressiva disseminata.

Altri test e procedure può essere fatto per aiutare a determinare la diagnosi o il grado di infezione; quelli sopra elencati sono i più comuni. Occasionalmente, un chirurgo può avere bisogno di essere consultato per ottenere tessuto polmonare, liquido pleurico, o biopsia del linfonodo per la cultura e la valutazione microscopica per favorire la diagnosi.